Amaro Obsession

ZETHUS

Lazio

Affile RM

I liquori Leardini si tramandano da quattro generazioni. Il capostipite fu Domenico, poi Antonio, quindi Leonardo ed ora è Mauro a gestire questo caratteristico laboratorio artigianale. Tale realtà, anche se piccola, esiste grazie alla passione e alla tenacia che la famiglia Leardini ha mantenuto nel tempo e grazie alla capacità di conoscere a fondo sia le proprietà delle erbe, raccolte direttamente, sia le ricette di infusi tramandati di generazione in generazione. La produzione è limitata e riservata a chi sa apprezzare il gusto di prodotti genuini. Leonardo non si sposò mai: per famiglia aveva i suoi liquori ai quali si dedicò ininterrottamente fino all’età di 88 anni. Volle però che la sua attività, attraverso il nipote Mauro, continuasse secondo l’antica tradizione liquoristica che egli stesso per quasi 60 anni aveva seguito. Mauro ha ripreso la produzione, alla maniera di suo zio Leonardo, non più a San Leo ma ad Affile, paesino miniatura a ridosso delle abbazie di San Benedetto e Santa Scolastica, a qualche chilometro da Subiaco, accoccolato sulle pendici dei monti Simbruini. Una sorta di unione spirituale tra i luoghi di San Francesco (San Leo) e di San Benedetto (Affile), luogo del suo primo miracolo. L’antica tradizione liquoristica vuole che le erbe, secondo le diverse ricette, siano pestate, frantumate e miscelate nel mortaio. L’uso del mortaio è di antichissima tradizione e vari sono stati nei secoli i materiali usati per la sua composizione: pietra dura, marmo, ferro, argento, rame, legno, terracotta, ceramica e bronzo. Il più usato nella storia è stato sicuramente il mortaio in bronzo, che veniva forgiato nelle botteghe di tutta Europa utilizzando lo stesso stampo delle campane in miniatura. Oggi il Liquorificio Leardini usa la stessa tecnica! La produzione Leardini si divide in vari passaggi perfettamente studiati, che fanno sì che gli aromi e i componenti naturali rimangano intatti. Soprattutto si osserva il giusto tempo balsamico, ovvero il momento ottimale in cui la pianta raggiunge il suo massimo contenuto di sostanze. Poi, attraverso diversi procedimenti segreti a seconda del liquore da preparare, si sviluppa la ricetta. Nella famiglia Leardini si tramanda che un sacerdote di passaggio a Rimini, dopo essersi fatto riparare le scarpe da Domenico Leardini, non avendo tutti i soldi necessari, pagò la parte restante con questa ricetta. Essa, per quel che sappiamo, risale alla metà dell’Ottocento. Amaro pensato per i veri amanti degli amari, Zethus fa parte della categoria dei Fernet. È un liquore che non conosce scorciatoie. Tira dritto al cuore degli appassionati. Il gusto intenso ed originale, ottenuto dalla miscelazione di ben 43 botaniche, tra cui la Liquirizia, lo rende unico. La ricetta prevede un bagno estrattivo per ciascuna delle erbe, vale a dire che una soluzione idroalcolica opportunamente preparata penetra nelle cellule intatte delle botaniche facendole rigonfiare; ciò esporrà la membrana cellulare a cedere le proprie preziose sostanze trasferendole quindi alle molecole della soluzione, arricchendole fino a saturazione, e cioè fino a quando non si instaura quell’equilibrio tra esterno e interno della cellula. Genziana, Galanga e Aloe sono tra le erbe necessarie. Forte e bilanciato sposa alla perfezione il cioccolato al latte. La gradazione alcolica (40% vol.) facilita l’espandersi di aromi intensi e delicati che ci avvolgono prima di portarlo alle labbra.

Chi volesse sapere di più riguardo Amaro Zethus può rivolgersi a:

LEARDINI LIQUORI ARTIGIANALI Srls
Piazza Castellana, SNC
00021 – AFFILE RM
Tel. +39 0774 551033
www.leardiniliquori.com

Matteo Zed

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

it_IT