AMARO CIOCIARO

[:it]

Lazio

Sora FR

Forse una delle più belle etichette stile liberty che si possa trovare su una bottiglia, caratterizza l’Amaro Ciociaro, nato dalla passione erboristica del suo patron Vincenzo Paolucci nel 1873 in provincia di Frosinone, contestualmente alla nascita della “Paolucci Liquori”. Nasce in un momento in cui in Italia tanti appassionati della distillazione decidono di investire sulla produzione dei loro liquori a base di botaniche differenti, nella maggiorate dei casi caratteristiche del loro territorio, da cui l’Amaro Ciociaro acquista anche il nome riferito all’area geografica laziale in cui è ubicata l’azienda, la ciociaria, a due passi da Roma. Nel 1964 l’Amaro Ciociaro, sempre sulla base di antiche ricette, viene riadattato al gusto moderno. La sua ricetta rimane segreta e custodita nel sapere della Famiglia Paolucci. Ha un forte retrogusto di arancia amara, non è un amaro eccessivamente dolce e raggiunge una percentuale in volumi di alcol pari al 30%. Alla vista appare come un liquido chiaro, di colore marrone scuro con riflessi bronzei. Ha aromi di tarassaco, cola e buccia di limone e arancia con un leggero profumo di tabacco. Sul palato la cola esplode con chiodi di garofano e genziana e un leggero retrogusto affumicato e di liquirizia. In miscelazione è universalmente riconosciuto, poiché’ esportato in tutto il mondo, come l’erede naturale dell’originale “Amer Picon”, ingrediente chiave di molti cocktails del passato.

 

 

Matteo Zed[:en]

Lazio

Sora FR

Perhaps one of the most beautiful art nouveau label that you can find on a bottle of amaro, the best introduction of Amaro Ciociaro a spirits born by the knowledge of the herbalist and his Patron Vincenzo Paolucci in 1873 in the province of Frosinone at the same time at the birth of the Paolucci distillery. Amaro Ciociaro was born at a time when in Italy many distillation lovers decided to invest in the production of their various botanical-based liqueurs, taking inspiration from their territory, as well as for its name which is derived from the ciociaria, the geographic area near Rome. In 1964 Amaro Ciociaro, always based on ancient recipes is adapted to the modern taste. His recipe remains secret and kept informed of the Paolucci family, this amaro has a strong bitter orange aftertaste, it is not an overly sweet and reaches an alcohol level equal to 30% vol. The view seems a clean liquid, dark brown with bronze reflections. Scents of dandelion, cola, orange and lemon peel with a slight scent of tobacco. On the palate the cola explodes with clove and smoked and licorice aftertaste and gentian. In mixing is universally recognized as exported worldwide, as the natural heir of the original “Amer Picon”, a key ingredient in many cocktails from the past.

 

 

Matteo Zed[:]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *